Guida alla coltivazione mista

Coltivazione mista: un concetto di coltivazione degli ortaggi ispirato alla natura

La coltivazione mista, conosciuta anche come "consociazione", consiste nella coltivazione simultanea di diverse specie vegetali nello stesso orto, proprio come avviene in natura.
Se si osservano le comunità vegetali in aree veramente naturali, non si trova mai una sola specie vegetale, ma molte specie diverse una accanto all'altra.
Naturalmente, la competizione tra le piante è elevata, poiché ognuna di esse desidera le migliori condizioni di luce, acqua e nutrimento. Le piante hanno quindi sviluppato un'ampia varietà di strategie per affermarsi in natura e prevalere sulle specie concorrenti. Alla fine di questo processo ciò che rimane sono i cosiddetti "buoni vicini". Questo termine si riferisce a specie vegetali che possono vivere bene insieme perché non interferiscono l'una con l'altra ma, al contrario, molto spesso si sostengono e si rafforzano a vicenda. Anche nell'orto, dunque, è possibile creare un buon vicinato se si osservano gli aspetti descritti di seguito e si conoscono le relazioni di vicinato tra le piante.

Questi sono gli aspetti da prendere in considerazione quando si pratica la coltivazione mista:

  1. Le piante vicine devono completarsi a vicenda e non sovrapporsi o addirittura interferire l'una con l'altra. Questa regola, naturalmente, vale sia per le parti fuori terra, come le foglie, sia per le parti sotterranee, come l'apparato radicale. L'ideale sarebbe, ad esempio, consociare piante come carota e lattuga (una con radici profonde e l'altra con radici poco profonde) o cavolo e piselli (una con crescita forte e gli altri con crescita debole) o mais e zucca (amanti, rispettivamente, del sole e dell'ombra).
  2. L'odore e le escrezioni delle radici di alcune piante possono essere letali per alcuni vicini, mentre altri ne sono rafforzati e protetti. Questo deve essere tenuto in considerazione non solo per la coltivazione simultanea, ma anche per la rotazione delle colture. Gli esempi migliori sono i fagioli coltivati insieme alla santoreggia e le patate con il cumino e il coriandolo. In questa consociazione, la santoreggia non solo tiene lontano l'afide nero della fava, ma favorisce anche la crescita e il sapore dei fagioli. L'altro esempio è simile.
  3. Non piantare mai nelle immediate vicinanze o in rotazione diretta delle specie vegetali che attirano gli stessi parassiti, come nel caso di tutte le crucifere. Un'eccessiva presenza del loro nutrimento preferito favorisce la diffusione di parassiti e allo stesso tempo distrugge gran parte del raccolto previsto. I buoni vicini, invece, sono quelli che tengono lontani i parassiti l'uno dall'altro, come le carote e le cipolle, che tengono lontani i rispettivi parassiti (la mosca della cipolla e quella della carota.


Consigli pratici:

  • Il più grande errore dei principianti è quello di seminare troppo densamente
  • .
  • Per mantenere la giusta distanza di impianto, è essenziale considerare le esigenze di spazio della pianta matura, altrimenti perfino i migliori vicini si sottrarranno a vicenda luce, acqua e sostanze nutritive.
  • Il metodo di coltivazione è assolutamente libero. È possibile una coltivazione mista, alternata in file, all'interno di una fila o anche mescolata cromaticamente, come nel cosiddetto "square-foot gardening".
  • Man mano che le piante vengono raccolte, lo spazio deve essere immediatamente riassegnato alla pianta successiva
  • .
  • Una copertura vegetale il più possibile fitta trattiene più a lungo l'umidità nel terreno e protegge da erbacce fastidiose, infestazioni di parassiti ed erosione del suolo.
  • Prepara un piano di coltivazione per la stagione e per tutte le stagioni successive, perché potresti dimenticare cosa c'era in un determinato posto anche solo dopo poche settimane
  • .
  • Solo con un piano è possibile avere una visione d'insieme e decidere la giusta rotazione delle colture. In questo modo potrai anche registrare e comprendere meglio le tue esperienze.


-> Clicca qui per una panoramica dei vicini buoni e cattivi nella coltivazione mista.